Consulenza scientifica in caso di crisi

Le istituzioni del settore dell'istruzione, della ricerca e dell'innovazione (FRI) accolgono con favore la proposta di attuazione per il coinvolgimento degli organi di consulenza scientifica nelle crisi, approvata dal Consiglio federale. In questo modo sono stati creati strumenti che consentiranno di integrare il più rapidamente possibile le competenze scientifiche nella gestione delle crisi future. In particolare, sono nuovi i processi predefiniti e la chiara ripartizione dei ruoli tra scienza e politica.

In caso di crisi future, la scienza sarà maggiormente coinvolta nella gestione delle crisi della Confederazione. Il Consiglio federale ha approvato una proposta di attuazione corrispondente. Gli attori FRI swissuniversities, le Accademie svizzere delle arti e delle scienze, il Consiglio dei PF, Innosuisse, il Fondo nazionale svizzero per la ricerca scientifica e il Consiglio svizzero della scienza hanno collaborato con la Confederazione per redigere regolamenti, compreso un codice che dovrebbe chiarire la divisione dei ruoli tra scienza e politica nelle crisi future. In questo modo si farà chiarezza sul corso della cooperazione nel periodo precedente le crisi e si garantirà un ampio sostegno nella comunità scientifica.

All’indomani della pandemia di Covid-19, le istituzioni scientifiche svizzere hanno voluto rafforzare la consulenza politica scientifica in tempi di crisi. Gli scienziati, sostenuti dalle università e da altri istituti di ricerca, mettono le loro competenze scientifiche al servizio della società, della politica e dell’amministrazione. Questo promuove lo scambio tra le varie parti interessate, in particolare per quanto riguarda le grandi sfide sociali come la digitalizzazione, il cambiamento climatico, l’energia, la salute e le crisi economiche.

Gli organismi scientifici consultivi ad hoc dovrebbero essere coinvolti nelle crisi se il Consiglio federale lo ritiene opportuno quando attiva un’organizzazione di crisi interdipartimentale. swissuniversities sarà contattato in tal caso come interfaccia con il governo federale. Le sei principali organizzazioni scientifiche svizzere proporranno congiuntamente degli esperti per la partecipazione a un comitato consultivo. La Confederazione conferma poi gli esperti nominati come membri di questo comitato. La Cancelleria federale (CF), la Segreteria di Stato per la formazione, la ricerca e l’innovazione (SEFRI) e le sei organizzazioni scientifiche firmano un accordo quadro per la consulenza scientifica.

Per garantire una consulenza politica scientifica efficace, le istituzioni FRI hanno redatto un codice di condotta che chiarisce i ruoli dei membri dell’organo consultivo e dei loro mandatari. In tempi di crisi, i membri dell’organo consultivo si pongono come portatori onesti e indipendenti della conoscenza scientifica. Forniscono ai responsabili politici e agli amministratori le basi rilevanti, elaborano scenari di eventi e sviluppano opzioni di intervento con le rispettive opportunità e rischi. L’organo consultivo scientifico è indipendente nel suo lavoro e nelle sue raccomandazioni. Il responsabile dell’organo consultivo comunica con l’esterno in coordinamento con i mandatari. Le raccomandazioni degli esperti in caso di crisi vengono rese pubbliche d’intesa con il presidente dell’organo consultivo.

Per garantire che i processi e le strutture pianificate funzionino davvero nelle crisi future, una rete di ricercatori deve dialogare con i politici e gli amministratori anche in tempi non di crisi. Se necessario, un organo consultivo ad hoc su un tema specifico può essere rapidamente costituito da questa rete in un processo strutturato.

Le organizzazioni scientifiche sono convinte che sia la ricerca che la politica abbiano tratto insegnamento dalla pandemia e possano utilizzarlo con profitto per superare le crisi future.

Comunicato: PDF

Comunicato stampa del’ Consiglio federale

Drucken

Contatto

Josefa Haas

Responsabile Comunicazione swissuniversities

E-Mail

Drucken

Contatto

Josefa Haas

Responsabile Comunicazione swissuniversities

E-Mail

Potresti anche essere interessato a questo contenuto