Consiglio federale, 14 dicembre 2018

Il 14 dicembre 2018 il Consiglio federale ha nominato il prof. dott. Gian-Luca Bona, direttore dell’Empa, nuovo membro del Consiglio dei PF. Secondo la legge sui PF, un rappresentante dei quattro istituti di ricerca PSI, WSL, Empa e Eawag deve sedere nel Consiglio dei PF. Gian-Luca Bona subentra al prof. dott. Joël Mesot, direttore del PSI fino alla fine dell’anno, che in ottobre è stato nominato dal Consiglio federale nuovo presidente del Politecnico di Zurigo; la selezione del suo successore è attualmente in corso. Dal mese di gennaio 2019 il dott. Thierry Strässle assumerà la direzione ad interim del PSI.

Prof. Dr. Gian-Luca Bona (Foto: Empa)

Gian-Luca Bona è direttore del Laboratorio federale di prova dei materiali e di ricerca (Empa) dal settembre del 2009 e professore di fotonica presso i Politecnici federali di Losanna e Zurigo. Sotto la sua direzione l’Empa è diventato un istituto rinomato a livello internazionale per quanto riguarda la ricerca sui materiali e le tecnologie innovative.

Il prof. dott. Bona ha studiato fisica al Politecnico federale di Zurigo, dove ha conseguito il dottorato nel 1987. Subito dopo è iniziata la sua carriera presso IBM, per la quale in veste di direttore delle Tape Storage Solutions a Tucson (2008-2009) è stato da ultimo responsabile della ricerca e sviluppo di prodotti su banda magnetica. Gian-Luca Bona è anche presidente del consiglio di fondazione del Technopark di Zurigo e della Technopark Alliance, nonché membro del consiglio di fondazione del Parco dell’innovazione di Zurigo. È membro dei consigli di amministrazione di Comet e Bobst, nonché del Kuratorium del BAM di Berlino (Bundesanstalt für Materialforschung und –prüfung) e del comitato scientifico del CSEM (Centre Suisse d’Electronique et de Microtechnique).

Thierry Strässle è capo dello stato maggiore dell’istituto Paul Scherrer (PSI) dal dicembre 2012. Dopo gli studi di fisica al Politecnico di Zurigo e il dottorato nel 2002, ha conseguito un post-dottorato all’Università Pierre et Marie Curie di Parigi, per poi entrare al PSI nel 2005 come responsabile della strumentazione del laboratorio di diffrazione neutronica. Dal 2010 è stato assistente scientifico del direttore e nel 2011 ha rilevato la guida dell’unità scientifica nonché la competenza di pianificare e modellare l’orientamento scientifico del PSI.

In qualità di capo dello stato maggiore del PSI risponde della gestione operativa dell’unità di direzione, assumendo fra l’altro compiti di strategia e pianificazione, gestione del sistema di monitoraggio, sicurezza, integrità della ricerca e comunicazione.